Terremoto sulla Comunità delle Piagge

7 11 2009

Scandalo e indignazione” per l’allontanamento di Alessandro Santoro, prete alle Piagge, deciso lunedi’ scorso dal vescovo Giuseppe Betori.

In 1.500 per l’ultima messa di don Santoro.

Le Piagge in Champions League! Esposto in curva uno striscione a sostegno di Alessandro.

Uno striscione lungo 10 metri con su scritto “Don Santoro deve restare alle Piagge” è stato esposto nei minuti iniziali della partita di Champions League Fiorentina-Debreceni allo stadio Artemio Franchi di Firenze.

Come sostenere la Comunità delle Piagge in sette mosse e far tornare Alessandro

Annunci

Azioni

Information

One response

8 11 2009
L.B.

Non è con un atto di potere ,preso senza sentire il bisogno di ascoltare le ragioni e capire un mondo che da anni vive e pratica il Vangelo in mezzo agli ultimi e con gli ultimi,né mortificando ed umiliando un uomo, prima che un sacerdote,che la Chiesa fiorentina dimostra la sua “forza” e la sua “essenza”.
A coloro che ,con un freddo e gelido comunicato,hanno deciso di sollevare Don Alessandro dalla cura pastorale della Comunità delle Piagge ,penso non mancheranno,nei giorni a venire, motivi per riflettere sulla decisione presa.
Bussate e vi sarà aperto” dice il Vangelo.
Don Alessandro Santoro e la sua Comunità, in questi quindici anni hanno dimostrato con i fatti, pur tra mille difficoltà e sacrifici, che le porte della loro “baracca” sono aperte a tutti ,mentre tanti ,troppi , le porte non solo non le aprono,ma rinforzavano i catenacci e chiudono gli occhi di fronte alla realtà o girano la testa da un ‘altra parte.
Anche venerdi 6 novembre ,prima di lasciare la Comunità Don Alessandro Santoro era presente all’inaugurazione dell’ “L’isola che non c’è “, in via Liguria 11 ,gestita volontariamente ,un’altra dall’Associazione il Muretto,uno spazio per i bambini più piccoli dai 18 ai 36 mesi e i loro genitori.
Un’altra delle tante attività svolte dalla Comunità in favore della società civile, che rischiano di avere contraccolpi negativi, dal momento che il Vescovo Betori oltre “esiliarlo” in Casentino ed impedirgli di dire messa per un tempo imprecisato, gli ha anche richiesto di abbandonare le cariche che ricopre in seno alla Comunità ,nelle varie associazioni e cooperative sociali,che in quanto laiche, non riguardano Don Alessandro Santoro cappellano delle Piagge , ma un cittadino, che godendo dei diritti civili e politici dello Stato italiano, opera nella società civile e ha scelto di impegnarsi in favore degli ultimi.
Sarebbe “cosa buona e giusta” se Don Alessandro Santoro, al termine del periodo di “preghiera e riflessione” in Casentino, impostogli dal suo Arcivescovo, fosse restituito alla presenza e all’impegno alle Piagge , a meno che non si voglia liquidare un’esperienza di cooperazione e volontariato in favore dei più poveri e degli emarginati di questa parte della Città di Firenze, perchè “scomoda” a molti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: