Detrazione 36%. Che cosa è cambiato?

4 11 2011

Quest’anno ci sono state tre importanti novità che riguardano la detrazione del 36% per spese di intervento per recupero del patrimonio edilizio:

  1. soppressione dell’obbligo di inviare la comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara. Il D.L. 13.5.2011, n. 70, il cosiddetto “Decreto Sviluppo” ha modificato l’art. 1, comma 1, lett. a), DM n. 41/98, il quale sopprime l’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara. Rimane invece ancora in vigore l’inoltro preventivo alla ASL competente nel territorio in cui si svolgono i lavori. In sostituzione di tale comunicazione il contribuente deve indicare nella dichiarazione dei redditi:
    • i dati catastali identificativi dell’immobile;
    • se i lavori sono effettuati dal detentore (ad es. inquilino) anziché dal proprietario, gli estremi di registrazione dell’atto che ne costituisce titolo.
  2. abolizione dell’obbligo di indicare nella fattura il costo della manodopera, introdotto sempre dal suddetto decreto sviluppo.
  3. cambiamenti sulla disciplina di trasferimento delle quote di detrazione non utilizzate in tutto o in parte in caso di atto tra vivi. Nella vecchia normativa in caso di trasferimento per atto tra vivi dell’unità immobiliare oggetto degli interventi di recupero del patrimonio edilizio, spettavano persona fisica che acquista l’unità immobiliare esclusivamente le detrazioni non utilizzate in tutto o in parte dal venditore. La manovra bis, il DL 138/11 convertito in legge n. 148/11 rimodula queste disposizioni prevedendo che in caso di cessione dell’unità immobiliare sulla quale sono stati realizzati interventi di recupero edilizio, le detrazioni Irpef al 36%, possono rimanere in capo al venditore oppure possono essere trasferite, per i rimanenti periodi di imposta, al nuovo acquirente persona fisica dell’unità immobiliare.

In altre parole, le detrazioni Irpef non utilizzate, in tutto o in parte, dal venditore sono trasferibili all’acquirente persona fisica ovvero alternativamente possono continuare ad essere utilizzate dal venditore, cosa che prima non avveniva. Si configura allora un’alternatività nel diritto alla prosecuzione dell’uso della detrazione al 36%.

Ma come si individua il soggetto che ha diritto alla prosecuzione in questione? Occorre guardare all’accordo intercorso tra le parti, che deve essere stato formalizzato nell’atto di vendita. E’ nell’atto di vendita che si ritrova l’accordo formale stabilito tra venditore e acquirente, in merito al soggetto che ha diritto a proseguire nell’utilizzo della detrazione Irpef al 36%.

Tuttavia, la norma non specifica cosa succede qualora manchi l’accordo in questione, a chi cioè spetti la detrazione residua se non ci sono espliciti accordi al riguardo. E’ una lacuna su cui si auspica un prossimo intervento chiarificatore del legislatore.

Purtroppo prima della fine dell’anno ci potranno essere sviluppi negativi, sia nel campo della detrazione del 36%, sia nella detrazione del 55%, in quanto vi è l’ipotesi da parte del governo, non solo di eliminare le suddette detrazioni dal 2012, ma anche di non permette, a chi ha già iniziato in anni precedenti a rateizzare lavori già eseguiti, di poter continuare a beneficiare di tali agevolazioni.

Qui, per chi è interessato, si possono trovare utili informazioni per poter approfondire l’argomento (vai all’articolo sul sito dell’Agenzia delle Entrate).

[Riccardo Geppetti, Tributarista]


Azioni

Information

One response

13 02 2012
Angelo Losito

Richiedo un chiarimento in merito alla detrazione Irpef 36% per ristrutturazioni edilizie: su un sito web di seguito indicato:
http://www.civile.it/condominio/visual.php?num=73933, è riportata la sentenza della Corte di Appello di Milano del: 06 Febbraio 2008, ove si ravvisa una responsabilità dell’amministratore nella inosservanza dell’ attuazione della richiesta per la detrazione del 36& Irpef (incidendo essa sui diritti individuali non disponibili da parte della maggioranza assemblare)” (Corte d’Appello di Milano, 6 febbraio 2008). Chiedo conferma in merito.

Cordiali saluti
Angelo Losito

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger cliccano Mi Piace per questo: