Le tabelle millesimali

Le tabelle millesimali hanno la funzione di determinare il valore delle singole unità immobiliari e di conseguenza il valore delle singole quote di comproprietà sulle parti comuni dell’intero edificio ai fini della ripartizione delle spese e della formazione della volontà dell’organo assembleare.In virtù di quanto dispone l’art. 68 att. c.c. per gli effetti indicati dagli artt. 1123, 1124, 1126 e 1136 c.c., il regolamento di condominio deve precisare il valore proporzionale di ciascun piano o di ciascuna porzione di piano spettante in proprietà esclusiva ai singoli condomini.

I valori dei piani o delle porzioni di piano, ragguagliati a quello dell’intero edificio, devono essere espressi in millesimi in apposita tabella allegata al regolamento di condominio.

Nell’accertamento dei valori medesimi non si tiene conto del canone locatizio, dei miglioramenti e dello stato di manutenzione di ciascun piano o di ciascuna porzione di piano”.

Le tabelle millesimali possono essere contenute in un regolamento contrattuale perché predisposte dal costruttore o redatte successivamente per volontà dei singoli condomini. In entrambi i casi la formazione delle tabelle integra un vero e proprio negozio di natura contrattuale, che, andando a riguardare il diritto di comproprietà dei singoli sulle parti comuni, richiede per l’approvazione o modifica l’unanimità. Qualora vi fossero disaccordi e non si potesse arrivare alla formazione delle tabelle millesimali, è previsto che anche un solo condomino possa rivolgersi all’autorità giudiziaria che, procedendo alla redazione tramite un perito, rende obbligatorie per tutti i condomini le tabelle.

Vi sono vari tipi di tabelle millesimali.

La più importante è sicuramente quella di proprietà che esprime il rapporto tra i valori delle singole unità immobiliari, espresse appunto in millesimi. In quasi tutti i condomini ormai vi sono, oltre la tabella di proprietà, altre tabelle, tutte relative ai servizi ed agli impianti comuni regolandone le varie spese di gestione (es. riscaldamento, scale, androne, ascensore, portierato, autoclave ecc …).

La redazione delle tabelle millesimali dovrebbe possibilmente essere affidata ad un tecnico in quanto occorre attuare un accurato studio dello stabile, effettuare le planimetrie delle varie unità immobiliari, e procedere poi all’esame delle caratteristiche qualitative, che, a loro volta, incideranno sulla scelta dei valori dei cosiddetti coefficienti riduttori.

Tali coefficienti, definiti da una circolare del Ministero dei Lavori Pubblici n°12480/66, sono detti di differenziazione ed indicano con 1 il valore normale medio, che può essere aumentato o diminuito secondo se le caratteristiche qualitative hanno più o meno importanza.

Criteri di determinazione.

Nella determinazione di una tabella millesimale non ha alcuna importanza il calcolo esatto dei valori Lire/Mq., o delle superfici o dei volumi, quanto invece il rapporto tra i valori o superfici o volumi delle unità immobiliari. Non vanno tenuti in considerazione il canone di locazione, lo stato di manutenzione o i miglioramenti apportati nel tempo all’unità immobiliare.

L’applicazione dei vari “coefficienti di riduzione”, alla superficie o volume reale delle singole unità immobiliari, trasforma tale superficie da reale in virtuale o volume virtuale.

La quota millesimale relativa ad ogni unità immobiliare deriva dal rapporto tra la superficie virtuale della u. i. e la somma di tutte le superfici virtuali di tutte le u. i., secondo coefficienti prestabiliti.

Prendiamo ora in esame i vari coefficienti applicabili:

  1. Coefficiente di destinazione o categoria catastale: viene utilizzato solamente se nello stesso immobile sono presenti unità immobiliari di diverse categorie catastali.
  2. Coefficiente di utilizzazione: identifica il particolare uso dei singoli ambienti dell’u.i..
  3. Coefficiente di altezza: si applica se l’altezza interna è diversa tra le varie u. i., in questo caso si dovrà calcolare il volume e non la superficie.
  4. Coefficiente di orientamento: tiene conto degli effetti connessi ai punti cardinali, e si applica se l’edificio comprende più u. i. per piano, ciascuno con diversa esposizione.
  5. Coefficiente di esposizione e prospetto: viene preso in considerazione se le varie u. i. di un edificio hanno una veduta differente secondo che abbiano il prospetto panoramico, su strada principale, secondaria, chiostrine, pozzi di luce ecc.
  6. Coefficiente di piano: considera gli effetti che derivano ad una u. i. in relazione alla sua altezza dal suolo, e dipende dal fatto che l’immobile abbia o meno l’ascensore.
  7. Coefficiente di funzionalità: si applica se è evidente la razionalità e funzionalità degli spazi tra le varie u.i. dell’edificio.
  8. Coefficiente di luminosità: tiene della quantità di luce che penetra nei vari ambienti, dipende dall’altezza del piano, e si ottiene dal rapporto della superficie dell’ambiente per la misura delle varie finestre.

Dopo aver definito l’applicazione dei vari coefficienti, che esprimono le differenze qualitative tra le varie u.i., questi si moltiplicheranno tra loro, al fine di avere un unico coefficiente, detto globale, che servirà per determinare la superficie o volume reale e dunque le quote millesimali di ogni u.i..

I valori, determinanti le quote millesimali, (ex art. 69 att. c.c.) “possono essere riveduti o modificati“, anche nell’interesse di un solo condomino, nei seguenti casi:

  1. quando risulta che sono conseguenza di un errore;

  2. quando, per le mutate condizioni di una parte dell’edificio, in conseguenza della sopraelevazione di nuovi piani, di espropriazione parziale o di innovazioni di vasta portata, è notevolmente alterato il rapporto originario tra i valori dei singoli piani o porzioni di piano”.


51 responses

26 02 2008
stefano

Vorrei chiedere cortesemente come viene calcolata la superfice del giardino di proprietà facente parte dell’edificio se il calcolo delle varie unità è stato determinato calcolando il volume. La superficie del giardino va parimenti moltiplicata per 3 ? In attesa di una vostra gradita risposta via e-mail porgo i miei più vivi ringraziamenti. Saluti.

26 02 2008
stefano

Assolutamente no, è la prima volta.

26 02 2008
Fredducci (M,7)

Risposta per @stefano

Prova a leggere il post del 09/01/2008 dal titolo “Il giardino privato rientra nel calcolo delle tabelle millesimali condominiali“.
Saluti

1 03 2008
Sabino

Vorrei sapere, considerando la sentenza della Cassazione circa la superfice di un giardino considerata nei millesimi, ci si domanda: allora nella manutenzione e pulizia delle aree scoperte del parco, ove rientrano anche i giardini di proprietà delle abitazioni, va adottata la stessa manutenzione, cioè mi spiego meglio, se il mio giardino rientra in un calcolo di tabella millesimale, per cui nella ripartizione delle spese di pulizia e manutenzione delle aree scoperte del parco io pago per millesimi comprensivi del giardino allora perché non posso chiedere la stessa manutenzione, pulizia ed illuminazione per il mio giardino? Grazie.

1 04 2012
sergio

voglio conoscere la risposta a questa domanda grazie.

7 03 2008
Franco

mi domnandavo, utilizzando il coeff di luminosità, devo fare il r.i. cioe sup locale/sup finestrata. Se il mio rapporto è 1/10,perche devo dare il coeff 1, e se il rapporto è 1/8 devo dare il coeff 0,94 che è piu basso? e se ho locali non finestrati, il valore quanto deve essere?
Grazie per l’attenzione,cordiali saluti e buon lavoro a tutti.

28 03 2008
Raf

Vorrei sapere se in seguito a richiesta di singolo condomino è possibile rendere noto l’intera lista della tabbella millesimale riguardante tutti i condomini. grazie

17 04 2008
paolo63

Per creare un consorzio per la costruzione e manutenzione di una stada vicinale, si deve tenere conto delle superfici dei terreni agricoli, anche se privi di abitazioni, o delle civili abitazioni utilizzate quotidianamente da più residenti ?
Quali sono le tabelle millesimali applicabili ?
Chi mi può aiutare a risolvere questo problema ?
Un gruppo di proprietari di abitazioni civili, ma ricadenti in zona agricola, può costituire un consorzio e suddividere i millesimi in base alle superfici dei terreni serviti da una strada vicinale e costringere gli agricoltori che ne fanno un uso sporadico a pagare ?

23 02 2013
Anna

Io ho lo stesso suo problema; lei è riuscito ad ottenere una risposta soddisfacente? Se si può, può indicarla anche a me?
Grazie
Anna

16 05 2008
Loredana

Sembra assurdo, ma il palazzo in cui abito (costruito 30 anni fa!) non ha ancora le tabelle millesimali. Fino ad ora, perciò, pur abitando al primo piano, ho sempre equamente diviso le spese condominiali.
Fra pochi mesi sono previsti dei lavori di manutenzione e, ad una mia richiesta di redazione delle tabelle, l’amministratore mi ha risposto che, comunque, esse non adrebbero ad influenzare la ripartizione delle spese per suddetti lavori. Qualcuno sa dirmi se è effettivamente così, oppure mi stanno raggirando? Come dovrei agire? Ringrazio tutti coloro che mi risponderanno.

16 09 2009
EDUARDO

mi trovo nella stessa situazione, come l’hai risolta, se positiva mi fai sapere

24 02 2013
Gherard

… il suo Amministratore (che sarebbe da cacciare via) non le ha dato una buona risposta, perché tutti gli appartamenti non saranno uguali, non sono allo stesso livello, non hanno la stessa esposizione, ci saranno quelli che al piano terra hanno un giardino e quelli che all’attico hanno un terrazzo…. quindi richieda ufficialmente al suo Amministratore di convocare l’Assemblea con primo punto all’ordine del giorno di incaricare una persona qualificata per la stesura delle tabelle millesimali, e se per caso il suo amministratore o chi per lui (altri condomini) insistono a non volerle fare, Lei può rivolgersi in Giudizio e da quello si avrà L’OBBLIGO ad averle… Le rammento che la figura dell’Amministratore è obbligatoria con oneri e onori in presenza di almeno 4 appartamenti…. e ora tocca a Lei… ciao

9 06 2008
Huth

Nella speranza che qualcuno di voi possa aiutarmi vi sottopongo un dubbio interpretativo per la redazione delle tabelle millesimali…

Per la redazione delle tabelle millesimali oltre a tutti i vari coefficienti è utilizzato anche il coefficiente di piano, che varia in base al piano in cui è posta l’unità immobiliare.

Nel caso discusso il problema è nella determinazione del piano dell’unità analizzata.

L’edificio è caratterizzato da due ingressi che conducono a due appartamenti distinti. Gli ingressi sono da due strade differenti e da due lati differenti dello stesso edificio. Le strade sono in pendenza e le altezze degli ingressi risultano sfalzate in altezza. I due appartamenti sono uno sopra l’altro, ma rispetto il relativo ingresso sono posizionati al primo piano. Da considerare che i due appartamenti hanno una particella differente.

Le unità immobiliari sono afferenti allo stesso immobile (anche se con particelle differenti) e sono caratterizzate da ingressi distinti (differente via e differente civico) e posti a differenti livelli (strada in discesa).

Come vanno considerati i piani, rispetto il piano stradale di accesso specifico?
Se non ricordo male nelle varie circolari o interpretazioni, si parla di altezza rispetto il suolo, ma in questo caso quale è il “suolo” da considerare?
In virtu di questo come è possibile individuare il piano? in virtu della distanza dal piano stradale di accesso alle unità stesse?

Con questa interpretazione, due unità poste una sopra l’altra ma aventi due ingressi distinti su strade distinte saranno individuate entrambe al primo piano (o piano terra).
Io credo che questa interpretazione sia corretta, visto che il coefficiente di piano deve valorizzare gli elementi che caratterizzano la posizione rispetto il suolo e quindi l’accessibilità dell’unità immobiliare (tanto che in presenza di ascensore i coefficienti si modificano)..

Qualcuno è in grado di aiutarmi, dandomi una sua interpretazione?
Grazie

24 06 2008
brucolina

avrei bisogno di sapere quale’ la legge del c.c. che indica i coeficienti nazionali per il calcolo dei mill.

23 07 2008
Giulio

Complimenti per il vostro sito. Chiedo un consiglio:sono proprietario di un attico, al 3° ed ultimo piano, con sottotetto di proprieta, con altezza massima di cm.160, e altezza piccola di 35-40 cm.Serve solamente come isolante termico. Fa quota millesimale? per questo si vuole modificare le tabelle millesimali in vigore da 11 anni con le quali si sono divisi molti lavori fatti nel tempo.Agli attuali proprietari che hanno comprato gli appartamenti, sono state date le tabelle dal vecchio proprietario,da 10 anni.Sono contrattuali?. Mi servirebbe saperlo, perchè cambierebbe la maggioranza per deliberare. Salutoni Giulio– mail: famiglia.ferrari.fones@hotmail.it

16 09 2008
Paolo

Ciao! gentilmente dopo aver letto dei verbali di assemblee, oh riscontrato
che per dei verbali sono stati messi dei millessimi,per avere la maggioranza, poi di incanto sono stati cambiati i valori dei millessimi ,
inoltre non ci sono state delle assemblee che autorizzanovano tale cambiamento delle stesse.
domando!! e ammisibile questo cambiamento? ci sono dei grossi lavori da fare, e
spenderemo un po di soldini , come posso fare? per pagare il giusto che mi tocca, la ringrazio tanto se mi risponderebbe il più celere possibile , la ringrazio ancora.
tengo a precisare che sono un nuovo inquilino, e che questi cambiamenti sono stati fatti prima del mio subentro.

20 09 2008
Giacomo

Ho realizzato nel bagno 2.70 x 1.96 di h 3.10 abbassando il soffitto di 0.80 un ripostiglio ( 2.70×1.96×0.80), e nel disimpegno di 2.80×1,10 di h 3.10 abbassando il soffitto di 0.50 un’altro ripostiglio(2.80×1.10×0.50)’ quindi chiedo se i ripostigli sono da inserire nelle tabelle millesimali. Grazie

25 11 2008
ROSA

Ho una strada comune con un altro proprietario,al quale per accedere alla sua proprietà ho aperto un passaggio nella mia proprietà…Sull’ atto di compravendita il notaio ha messo che la proprietà di quella strada è per millesimi di proprietà..Ho chiesto al loro ingegnere di fare il calcolo delle tabelle millesimali…e lui in tutta risposta mi ha detto che vuole mettere anche le aree scoperte è giusto..N.B.La mia proprietà ha un valore maggiore anche senza tabelle…mi date un riferimento di legge. Grazie

11 12 2008
Giovanni

Volevo chiedere: se i valori millesimali, pur nella loro severa importanza, sono una convenzione, essi possono essere espressi in millesimi, in milleduecentocentesimi o ancora in un altro qualsiasi rapporto?
Un altro rapporto, ad esempio milleduecentocinquantotto millesimi, può costituire motivo di ricorso al giudice per riportare il valore di tabelle contrattuali ai canonici millesimi?
Resto in attesa di un vostro parere in merito e di eventuali riferimenti di legge.
Ringrazio anticipatamente

14 12 2008
Fredducci (M,7)

In linea di massima sono una convenzione che, proprio perchè è usata, è diventata lo standard.
Saluti.

24 02 2013
Gherard

… Tante volte la somma di tanti fattori che si raggiunge per fare la stesura delle tabelle millesimali (specialmente quelle relative al riscaldamento), non danno come totale il numero 1000…. bisognerà quindi rapportarlo a 1000, è una operazione molto semplice ossia si prendono i singoli risultati parziali di ogni appartamento, li si dividono ognuno per la somma totale, e il risultato lo si moltiplica per 1000. Il risultato totale di queste operazioni darà 1000. E’ chiaro che il numero 1000 è più comodo di altri numeri perché rapidamente si può calcolare che per ogni singolo millesimo su una spesa di 1000 corrisponde a 1… es si devono spendere 3000 euro e la nostra tabella di proprietà è di 100 millesimi, la nostra spesa sarà di 300 euro…. chiaro..??? ciao

17 02 2009
capo 53

Vivo una situazione analoga a Paolo 63, sarei interessato ad avere le risposte agli stessi quesiti posti nell’aprile del 2008, riferiti alla formulazione delle tabelle millesimali per le strade vicinali.
In attesa di un vostro parere vi ringrazio anticipatamente.

22 03 2009
ilbottino

Le spese di manutenzione di un giardino condominiale vanno ripartite in parti uguali tra i condomini o deve essere applicata una ripartizione considerando i millesimi? Grazie in anticipo.

28 04 2009
Giacomo

Buon giorno.Disturbo per le tabelle millesimali del riscaldamento.E’ possibile che appartamenti identici in tutto,nella stessa scala di un palazzao a sei piani,con identiche cubature,luce etc,abbiano tabelle millesimali completamente diverse da un piano all’altro?Non a crescere o a decrescere in modo omogeneo,ma proprio “a saltare”, senza una logica apparente, con diversità notevoli e spese conseguenti del tutto sproporzionate.Come può ciò accadere e cosa si può fare per ovviare?Disturbo voi perchè l’amministratore è un vero e proprio muro di gomma.Tutto rmbalza.Grazie per l’attenzione.Giacomo Salerno

13 05 2011
ornellissima

si puo cambiare amministratore innanzi tutto …far presente all assemblea e mettere a verbale la sua richiesta poi se necessario nominare un tecnico per controllare le tabelle millesimali…da ricodare che a volte il primo piano considerato nobile paga di più ….esposizione nord sud est ovest fanno differenza nel calcolo . Se la differnza sarà notevole chiedere la revisione delle tabelle ed ottenere un rimborso per quanto pagato in più. le tabelle se sproporzionate come dice incidono anche per tutte le altre spese.

24 02 2013
Gherard

…. è vero succede così, perché la differenza la da il coefficiente di piano e il coefficiente di esposizione… altezza, Nord, Sud Est, Ovest….

2 06 2009
velia

vorrei avere una risposta su di un argomento che vedo molto comune: una villetta sita in un complesso condominiale, come si calcola lo spazio giardino diverso in mq per ogni condomino al fine del pagamento di spese relative all’acqua d’irrigazione comune a tutti ??
se possibile vorrei ricevere lumi sul mio indirizzo e-mail
GRAZIE

24 02 2013
Gherard

… organizzatevi, l’acqua vi viene fornita dalla Società con un contatore unico, dotate ogni appartamento di un contatore dell’acqua, alla fine dell’anno (visto che nessuno si fida degli altri) chiamate una ditta per la lettura e la ripartizione della spesa…. sicuramente chi avrà il giardino consumerà di più ma dovrà pagare anche molto di più…

18 06 2009
Fabio

Ciao a tutti spero che la mia domanda sia pertinente a questo forum.
la mia Casetta cosi come altre sette è collegata alla strada principale da una strada privata, abbiamo deciso di asfaltare questa strada privata e vorremmo ripartire le spese in base ai millesimi.
La mia domanda è come si fa a calcolare i millesimi per una strada privata, esiste per caso qualche altro metodo per ripartire queste spese che non siano i millesimi?
Grazie mille

27 01 2010
vincenzo

la mia domanda è come quella di Fabio : La mia domanda è come si fa a calcolare i millesimi per una strada privata, esiste per caso qualche altro metodo per ripartire queste spese che non siano i millesimi?
Grazie mille

28 06 2009
adriano

ho acquistato un fondo tramite leasing con preliminare di acqusto allo stato di cui si trova e dopo sei anni mi modificano le tabelle millesimali senza fare assemblea “modificate dall’amministratore” lo puo fare. quale puo essere la sua avvertenza.

25 09 2009
francesco filippini

Buongiorno.
Sono proprietario di un box auto. In questo box vi sono 2 tubi (in alto, vicino al soffitto) del riscaldamento che, pur essendo coibentati, risultano caldi al tatto quando il riscaldamento è acceso. Nel box non vi sono termosifoni. Gli altri condomini vogliono modificare la tabella del riscaldamento (calcolata a metri cubi) fin qui adottata inserendo nel calcolo anche i mc del mio box. la mia domanda è questa: i tubi del riscaldamento condominiale centralizzato, che rappresentano per me una servitù, che, per forza di cose rilasciano calore nel mio box, “fanno millesimi”? Posso impugnare la eventuale delibera di modifica delle tabelle millesimali del riscaldamento, presa a maggioranza e con il mio voto dissenziente?
Io ho anche controproposto la coibentazione (a spese del condominio) dei tubi, in modo che non vi sia più dispersione di calore nel mio box.
Saluto e ringrazio
Francesco Filippini

24 02 2013
Gherard

…. i tuoi condomini non sono troppo sani di mente…. i tubi coibentati che passano nel tuo box servono solo a portare l’acqua calda alle altre utenze…. prova a dir loro di levarli….

17 09 2010
tiziana massettini

se in un condominio un ascensore viene fatto installare solo da alcuni proprietari come variano le tabelle millesimali

21 11 2010
FRANCESCO

Salve sono proprietario di un appartamento al 2° ed ultimo piano con sottotetto, mi chiedevo se i millesimali a fine di pagare la ripartizione delle spese condominiali vanno calcolate anche quelle del sottotetto significando che il punto più alto è 2,00 m. mentre il punto più basso 80 cm.piano.
Faccio presente che sul rogito viene specificato che il sottotetto deve essere utilizzato ad uso perpetuo dato che non e abitabile.
QUALCUNO MI SA RISPONDERE? E SE MI PUò CITARE L’ART DEL C.P.C. CHE DISCIPLINA TALE SITUAZIONE, GRAZIE A TUTTI.

21 04 2011
antonio

1)sono proprietario di un appartamento condominiale con annesso giardino di proprietà esclusiva.perchè mi tocca pagare una quota di gran lunga superiore agli altri all’amministratore?
2)in un condominio con 22 condomini solo 9 di questi hanno diritto al box auto per contratto e per dichiarazione all’ufficio tecnico; gli altri condomini per poter scendere le auto nei propri box devono mettersi a norma, le spese sono anche a carico dei nove condominini che per contratto d’acquisto ne hanno diritto?ringraziando auguro a tuti voi una serena santa pascqua.
aiutatemi per favore con una risposta via mail. antonio

28 04 2011
Fred

Domanda (1). Bisognerebbe chiedere all’Amministratore e, magari con lui, con spirito costruttivo, verificare la corretta applicazione delle tabelle millesimali alle spese sostenute.
Domanda (2). Le situazioni variano da condomìnio a condomìnio, è difficile dare una risposta certa ed assoluta non conoscendo tutte le questioni in gioco. Sicuramente la legge (Codice Civile, art. 1123, terzo comma) stabilisce che la ripartizione delle spese debba avvenire solamente tra quei condomini che ne traggono utilità. Quindi …

Saluti,
Lorenzo

24 02 2013
Gherard

…. come sarebbe a dire che solo 9 condomini possono mettere l’auto…??? che scemata è mai questa? Le norme dei vigili del Fuoco impongono determinate regole se l’autorimessa è fatta solo per 9 autovetture…. ma se il garage può accogliere 22 autovetture e non siete in regole con le norme antincendio…. il garage rimane chiuso per TUTTI…

12 11 2011
mario

l’amministratore di sua iniziativa vuole modificare i millesimi della tabella generale e senza consultare un tecnico ,chiamandola tab.ridotta autoclave
quindi abbiamo due tab. una intera e una ridotta però i miei millesimi sono sempre gli stessi , sempre di sua inizitiva vuole ripartire consumo autoclave ed illuminazione delle scale.
il nostro è un regolamento contrattuale con atto notarile.
grazie nel rispondermi

23 11 2011
MARIA

ABITO AL TERZO PIANO DI UN PALAZZO COMPOSTO DA SEI PIANI IL MIO APPARTAMENTO CHE E IDENTICO A QUELLO DEI PIANI SUPERIORI A PIU MILLESIMI SOLO PERCHE E AL TERZO PIANO E SECONDO COLUI CHE HA FATTO LA TABELLA MILLESIMALE A UNA VISTA DIVERSA E PERCHE STANDO AL CENTRO E PIU CALDA RISPETTO ALLE ALTRE SECONDO VOI E GIUSTO QUESTO

24 11 2011
dumbo

Salve, nel mio condominio siamo in 9 e non vengono applicate le tabelle millesimali perchè ai condomini andava bene dividere le spese per parti uguali, ora molti hanno venduto la casa e i nuovi condomini compreso me vogliono l’applicazione delle tabelle .
A questo proposito ho parlato con l’amministratore e mi ha chiesto di mandargli una richiesta scritta con ricevuta ….la mia domanda è questa : è necessaria questa richiesta scritta?? Avete per caso qulche modulo o un esempio di richiesta di applicazione tabelle millesimali. Grazie.

29 11 2011
Elena Mazzoleni

Buongiorno abbiamo una palazzina di famiglia con 7 appartamenti e 2 negozi in un paesino di montanga, ora dobbiamo rifare la facciata e vorremmo fare i millesimi per dividere meglio le spese, abbiamo corredato la tabella ,ma il problema sussiste sul coefficiente da attribuire ai negozi.
Vorrei sapere per cortesia dove trovare una tabella che indichi quale quota attribuire ai negozi Grazie e cordiali saluti

18 01 2012
Roberta

Sono proprietaria da 2 anni di un mini-appartamento mansarsato in montagna posto al secondo ed ultimo piano, pago le spese di riscaldamento in base alla superficie radiante da tabella millesimale redatta circa 30 anni fa. Le spese da me sostenute sono le più elevate (690 euro contro 430) rispetto ad appartamenti al piano inferiore di ca 5/6 metri quadrati più grandi del mio con lo stesse numero di termosifoni ma con nr.di elementi maggiore rispetto al mio.L’altezza max del mio appartamento è di 2.75 e quella minima 0.80 , questa cosa mi quadra poco, vengo inoltre a sapere che il negozio posto a piano terra nel corso degli anni ha cambiato il sistema di riscaldamento attingendo diversamente dalla colonna dell’impiantoed ottenendo una resa maggiorea ns.scapito. Come posso chiedere la revisione della ripartizione spese tenendo conto che su 12 quote il negozio e il proprietario del primo piano che possiede nr.3 appartamenti destinati ad esssere affittati (che pagano somme molte basse rispetto alla mia) fanno muro di gomma, mi sento con le spalle al muro cosa fare per rendere le cose eque? Se qualcuno può aiutarmi grazie da Robi

19 02 2012
Alfredo

Mi chiamo Alfredo GATTOLA,vivo con la mia compagna in un condominio senza amministratore, la quale si gestisce il tutto tra i condomini,vorrei sapere qual’ora se un condomino acquistasse un’appartamento in quel caso mica si compra anche l’aria condominiale?.Deve rispettare delle regole del condominio?.I lavori che acquisiscono devono far parte del condomino?,si devono avvisare anche altri condomini?………..grazie….

24 02 2013
Gherard

…. quando si compra un appartamento in condominio…. si comprano anche regole, tabelle millesimali e… condomini

19 02 2012
fernanda

sono amministratore di una piccola palazzina,di 5 condomini,se un condomino reca un danno ,ad un cancello automatico forzandolo,fino a bruciare il motore,chi deve pagare il danno?

26 03 2012
bagnolati antonio

gradirei ricevere i coefficienti di calcolo dei termosifoni in fuzione dell’altezza dei piani.
Gli appartamenti del piano terreno hanno le cantine sottostanti ei garage

28 02 2013
Gherard

… se si vogliono fare le cose quasi giuste, i termosifoni non vanno calcolati in base all’altezza dei piani… ma vanno calcolati per il 50% in base alla superficie virtuale dell’appartamento e l’altro 50% sulla base dei Watt sviluppati dal totale degli elementi scaldanti…. questo comunque diventa un calcolo non facile da fare tutte le volte che qualcuno cambia tipo di radiatore… la cosa migliore sarebbe di fare un censimento dei corpi scaldanti e relative colonnine dei singoli e seguendo le indicazioni delle schede, nella colonna evidenziata delle stese si considereranno i Watt espressi e si compila la relativa tabella di riscaldamento…. nel 2015 saranno obbligatorie le valvole termostatiche.

11 10 2013
anna

abito in un condominio di 3 piani più rialzato vorrei sapere ,per dipingere lo stabile io che abito al piano rialzato mi fanno pagare gli stessi soldi dell ultimo piano ma a me l armatura non servirebbe mentre serve ai piani superiori

27 07 2014
eleonora

Una domanda: non trovo da nessuna parte (sempre se esiste) la differenza tra prima e seconda casa. Mi spiego meglio. Sul calcolo dei millesimi per le spese di manutenzione di una strada privata, conta o meno che sia prima o seconda casa? Cioè chi vive la casa quotidianamente paga tanto quanto chi ci sta due settimane una volta l’anno?

13 03 2015
aldoaan

Ma se un negozio ha creato per sua comodità un controsoffitto, come si calcolano i millesimi del negozio…altezza dal controsoffitto o dal soffitto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: